Soldado l’esordio hollywoodiano di Stefano Sollima

Soldado

 Paese      USA, ITA
 Lingua     Inglese
 Anno      2018
 Durata     124 min

Soldado è il nuovo action thriller diretto da Stefano Sollima, diventato famoso per aver diretto serie tv di successo come Romanzo Criminale – La serie, Gomorra -La serie e pellicole come Acab e Suburra, e in arrivo in Italia il 18 ottobre.  Nel sequel di Sicario, pellicola del 2015, ritroviamo i personaggi di Alejandro e Matt interpretati da Josh Brolin e Benicio Del Toro.

Per i cartelli messicani il traffico di esseri umani sembra essere la nuova fonte di guadagno. In mezzo ai clandestini che cercano illegalmente di passare il confine ed arrivare negli USA, si infiltrano anche terroristi. Alcuni di questi si fanno esplodere in un supermercato texano uccidendo 15 persone. Il governo degli Stati Uniti contatta l’agente della CIA Matt Graver per applicare misure estreme contro i cartelli della droga messicani.  La missione è quella di rapire la figlia di Reyes, potente boss del cartello messicano, facendo credere che si tratti di una banda rivale e quindi  scatenando una guerra.  Per mettere in atto questo piano dovrà chiedere nuovamente l’aiuto di Alejandro, che nel frattempo è diventato soldado. La vedetta verso Reyes lo porterà ad accettare la missione.  Riuscirà Graver a portare a termine la missione evitando che altri terroristi passino il confine e riescano ad entrare negli USA? Alejandro avrà finalmente la sua vendetta?

Per essere al suo primo film hollywoodiano, possiamo dire che Stefano Sollima se l’è cavata molto bene.  Quando è stato annunciato che il regista italiano avrebbe diretto Soldado, Il suo stile registico è più realistico rispetto al primo film diretto da Dennis Villeneuve. Ho apprezzato la scelta di approfondire la psicologia dei personaggi  principali ed unire due temi “scottanti” e attuali come quello del traffico di droga ed esseri umani al confine con il Messico con quello dei terroristi islamici.  Il finale di Soldado dà spazio ad un possibile terzo capitolo. Vedremo se la produzione contatterà ancora una volta Taylor Sheridan per scriverne la sceneggiatura.

Vi consiglio di andare a vedere la pellicola se siete fan di Josh Brolin  e Benicio Del Toro, fan del regista italiano Stefano Sollima o amanti del genere action-thriller. Non ve ne pentirete. Uscirete dalla sala soddisfatti.

Voto:3,5/5

 

 

Deadpool 2: il ritorno al cinema dell’anti-eroe mercenario di casa Marvel

 Paese      Usa
 Lingua      Inglese
 Anno      2018
 Durata    119 min

Deadpool 2 è l’attesissimo cinecomics Marvel prodotto dalla 20th Century Fox e diretto da David Leitch. La pellicola è uscita nelle sale italiane il 15 maggio mentre in america uscirà il 18. Nel cast del film  oltre a Ryan Reynolds, c’è anche Josh Brolin presente anche in Avengers Infinity War. Strano che un attore faccia parte del cast di due cinecomics molto attesi, usciti in questi ultimi due mesi.

L’antieroe mercenario dalla battuta sempre pronta, in questo secondo capitolo si ritrova a combattere in giro per il mondo. Un evento che cambierà per sempre la sua vita, lo porta alla residenza degli X-Men dove ritrova Colosso il mutante che ha l’abilità di trasformare il proprio corpo in un quasi indistruttibile “acciaio organico” e Testata Mutante Negasonica  che ha il potere della telepatia.  Il nemico con il quale si dovrà confrontare è Cable, un cyborg mutante proveniente da un misterioso futuro. L’obiettivo però sembra essere un ragazzino di nome Russell cresciuto in un orfanotrofio. Il suo super-potere è quello di lanciare palle di fuoco dalle mani. Per salvarlo Deadpool forma una squadra che decide di chiamare X-Force. All’interno di questa squadra troviamo anche nuovi personaggi come Domino e Shatterstar.  Come mai Cable vuole a tutti i costi  far fuori il ragazzino?

In Deadpool 2 ci sono più personaggi rispetto al primo capitolo. Di questa pellicola ho apprezzato la trama. Certo le battute del mercenario mutante con la capacità di auto rigenerarsi, non sono a livello di quelle del primo film, ma comunque conducono lo spettatore in sala alla risata. Le scene d’azione sono state girate molto bene. Non a caso, il regista è David Leitch che, negli ultimi anni ha diretto John Wick e Atomica Bionda. Rispetto al primo  troviamo molta più violenza e splatter. Negli Usa la pellicola è stata vietata ai minori di 17 anni mentre in Italia no. Se siete fan di Deadpool e dei cinecomics Marvel, non potete perdervi questo secondo capitolo. Non deluderà le vostre aspettative.

Voto:3,5 /5