Soldado l’esordio hollywoodiano di Stefano Sollima

Soldado

 Paese      USA, ITA
 Lingua     Inglese
 Anno      2018
 Durata     124 min

Soldado è il nuovo action thriller diretto da Stefano Sollima, diventato famoso per aver diretto serie tv di successo come Romanzo Criminale – La serie, Gomorra -La serie e pellicole come Acab e Suburra, e in arrivo in Italia il 18 ottobre.  Nel sequel di Sicario, pellicola del 2015, ritroviamo i personaggi di Alejandro e Matt interpretati da Josh Brolin e Benicio Del Toro.

Per i cartelli messicani il traffico di esseri umani sembra essere la nuova fonte di guadagno. In mezzo ai clandestini che cercano illegalmente di passare il confine ed arrivare negli USA, si infiltrano anche terroristi. Alcuni di questi si fanno esplodere in un supermercato texano uccidendo 15 persone. Il governo degli Stati Uniti contatta l’agente della CIA Matt Graver per applicare misure estreme contro i cartelli della droga messicani.  La missione è quella di rapire la figlia di Reyes, potente boss del cartello messicano, facendo credere che si tratti di una banda rivale e quindi  scatenando una guerra.  Per mettere in atto questo piano dovrà chiedere nuovamente l’aiuto di Alejandro, che nel frattempo è diventato soldado. La vedetta verso Reyes lo porterà ad accettare la missione.  Riuscirà Graver a portare a termine la missione evitando che altri terroristi passino il confine e riescano ad entrare negli USA? Alejandro avrà finalmente la sua vendetta?

Per essere al suo primo film hollywoodiano, possiamo dire che Stefano Sollima se l’è cavata molto bene.  Quando è stato annunciato che il regista italiano avrebbe diretto Soldado, Il suo stile registico è più realistico rispetto al primo film diretto da Dennis Villeneuve. Ho apprezzato la scelta di approfondire la psicologia dei personaggi  principali ed unire due temi “scottanti” e attuali come quello del traffico di droga ed esseri umani al confine con il Messico con quello dei terroristi islamici.  Il finale di Soldado dà spazio ad un possibile terzo capitolo. Vedremo se la produzione contatterà ancora una volta Taylor Sheridan per scriverne la sceneggiatura.

Vi consiglio di andare a vedere la pellicola se siete fan di Josh Brolin  e Benicio Del Toro, fan del regista italiano Stefano Sollima o amanti del genere action-thriller. Non ve ne pentirete. Uscirete dalla sala soddisfatti.

Voto:3,5/5

 

 

Johnny English il ritorno al cinema della comicità old school

 Paese      Usa, Regno Unito, Francia
 Lingua     Inglese
 Anno      2018
 Durata      88 minuti

Johnny English colpisce ancora è la nuova action commedy diretta da David Kerr. Nel cast di questo terzo capitolo troviamo anche Emma Thompson, attrice resa famosa da pellicole come Quel che resta del giorno dove recita accanto a Antony Hopkins, Men in Black 3 e Briget Jones’s BabyBen Miller che torna nei panni del fedele scudiero di Johnny English e Olga Kurylenko nota al grande pubblico per aver recitato in pellicole come Hitman – L’assassino, Quantum of Solace e La corrispondenza.

Un pericoloso Hacker ha violato i sistemi del governo britannico rivelando l’identità di tutti gli agenti segreti britannici sotto copertura. L’unico che non è stato scoperto è Johnny English, una spia ormai in pensione, che lavora come insegnante in una scuola. Purtroppo il primo ministro inglese non può far altro che richiamarlo sul campo. Johnny English per questa nuova missione avrà bisogno del suo fidato scudiero Bough. La minaccia è rappresentata da un giovane miliardario della Sylicon Valley con il quale il primo ministro inglese intende avviare una collaborazione. Riuscirà l’agente Johnny English a salvare l’Inghilterra?

Nonostante la comicità old-school, con battute e azioni prevedibili il film funziona lo stesso. Rowan Atkinson con i suoi personaggi strappa sempre qualche rista nel pubblico. Dopo quasi trent’anni la splapstick commedy, basata sul linguaggio del corpo, dei suoi personaggi rimane il punto di forza dell’attore inglese. Siccome la trilogia comica con protagonista  Johnny English è una parodia dei film sull’agente 007, non poteva mancare la Bond Girl impersonata dall’attrice ucraina Olga Kurylenko.  Rowan Atkinson nel 1983 fece una piccola parte nel film Mai dire Mai dove James Bond era interpretato dall’attore scozzese Sean Connery. Quindi possiamo dire che il ruolo di agente segreto al cinema, era nel suo destino.

Comunque nell’immaginario del pubblico Rowan Atkinson è Mr Bean, personaggio interpretato nella serie omonima dal 1990 al 1995. Su di lui sono stati fatti anche due film Mr Bean – L’ultima catastrofe del 1997 e Mr Bean’s Holiday del 2007. Johnny English colpisce ancora è un film  che vi consiglio di andare a vedere se siete fan dell’attore britannico. Le risate sono assicurate. Uscirete dalla sala soddisfatti.

Voto:3/5

 

 

 

 

Venom il primo film dello Spider-verse sony

 Paese      USA
 Lingua      inglese
 Anno      2018
 Durata     112 min

Venom è il nuovo film diretto da Ruben Fleischer, regista noto per pellicole come Benvenuti a Zombieland, Zombieland 2 e Gangester Squad. Nel cast oltre a Tom Hardy nel ruolo del giornalista Eddie Brock c’è anche Michelle Williams che interpreta la sua fidanzata.

Venom è un film sulle origini di questo simbionte alieno. Nei primi minuti di film ci viene mostrato il loro arrivo sulla terra e anche la capacità di doversi impossessarsi di un corpo umano per poter sopravvivere. Il vero protagonista è il giornalista Eddie Brock un giornalista famoso a San Francisco per le sue inchieste. Un giorno il direttore del giornale per il quale lavora gli affida l’intervista al dottor Carlton Drake. Lui però vuole porre fine agli esperimenti illegali all’interno della Life Foundation.  Eddie riuscira’ a smascherare il dottor Drake? I simbionte che sono stati riportati da una missione spaziale sono pericolosi per la popolazione umana?

La prima storia in solitaria di Venom è Lethal Protector pubblicata nel 1993. Qui i suoi creatori David Micheline e Todd McFarlane gli tolgono i panni di villain per fargli mettere quelli dell’antieroe. In questa miniserie si raccontava come la Life Foundation catturava Eddie Brock già posseduto dal simbionte alieno. Da lui estraeva altri simbionti che collegava ad alcuni soldati che Venom finiva per combattere.

Il film Venom può essere promosso a pieni voti nonostante nella pellicola non si veda alcuna goccia di sangue e non sia presente Spiderman il suo acerrimo nemico. Inizialmente doveva essere un film Rating Pg-13, poi i vertici della Sony hanno deciso di allargare la pellicola ad un pubblico più ampio. Ho apprezzato la scelta di Tom Hardy nei panni di Eddie Brock. Non potevano scegliere attore migliore. Mi è piaciuta anche la trasposizione cinematografica di Venom, migliore rispetto a quella di Spiderman 3 e anche il fatto che di Simbionte ce ne sia più di uno. Era ora che Tom Hardy facesse un film da protagonista e non da comprimario come Dunkirk e Inception.

Per me la pellicola non è stata così negativa come ribadito da alcuni critici dopo l’anteprima di ieri. Ho trovato più aspetti positivi che negativi. Uno di questi è Il villain. A mio avviso è un po’ debole. Per un film come Venom mi aspettavo un villain migliore. Comunque consiglio di andarlo a vedere al cinema, anche se non siete dei fan accaniti del fumetto Marvel sul personaggio. Non bisogna saperne vita, morte e miracoli del simbionte alieno.

Voto:3,5/5

 

 

 

 

 

 

The Equalizer 2: il ritorno del vendicatore Bob McCall

The Equalizer 2 -Senza Perdono

 Paese      USA
 Lingua    Inglese
 Anno     2018
 Durata     121 min

The Equalizer 2-Senza Perdono  è il nuovo action thriller uscito il 13 settembre 2018 nei cinema italiani e diretto da Antoine Fuqua.  In questo  sequel di The Equalizer – il  vendicatore uscito nel 2014 troviamo Pedro Pascal, noto al grande pubblico per Kingsman- Il cerchio d’oro e per l’interpretazione di Javier Pena nelle serie netflix Narcos.

Rispetto al primo film ci troviamo a Boston. Bob McCall ex agente DIA, abita in un quartiere popolare della città e si guadagna da vivere lavorando come autista. Un lavoro che lo mette a conoscenza di tutte le problematiche dei suoi clienti. L’unica amica che gli è rimasta è Susan che viene incaricata dall’agenzia per la quale lavora di recarsi a Bruxelles e indagare insieme al collega  Dave York su un caso di omicidio-suicidio. La donna però viene attirata in un tranello e uccisa. Bob McCall viene a sapere della morte dell’amica Susan e quindi decide di entrare in azione.  Riuscirà a vendicarsi per la morte della donna e scoprire chi ha deciso di farla fuori?

Antonie Fuqua decide di mostrarci nella prima parte del film Bob McCall nella vita di tutti i giorni. Lo vediamo prendere sotto la sua ala protettiva un giovane adolescente con la passione per la pittura, ma che viene attratto dalla vita criminale delle gang di Boston. Nella seconda invece il regista si concentra sulle scene action, migliori rispetto al primo film, e in particolare sulla vendetta di Bob McCall. In The Eqaulizer 2 – Senza Perdono le scene dei combattimenti sono più violente. I fan dei film d’azione forse ne avrebbero voluta vedere un pò di più anche nella prima parte.

La pellicola mi ha un pò deluso. Ho apprezzato di più il primo film uscito ben 4 anni fa. Nonostante questo, Denzel Washington non delude mai, è sempre garanzia di successo.  Nonostante i suoi 63 anni l’attore afroamericano è sempre sulla cresta dell’onda. In quarant’anni di carriera questa è la prima volta che si approccia con un sequel.  I fan di Denzel Washington sicuramente affolleranno le sale cinematografiche per The Equalizer 2 – Senza Perdono, un film  che a mio avviso non è stata all’altezza del primo uscito ben 4 anni fa.

Voto:3/5

 

 

 

 

Mission Impossible Fallout: il capitolo più adrenalinico della saga

Mission Impossible

 Paese      USA
 Lingua      inglese
 Anno      2018
 Durata    147  min

Mission Impossible Fallout è il nuovo film action diretto da Christopher McQuarrie e uscito nei cinema italiani il 29 luglio.  Nella pellicola oltre a Tom Cruise ritroviamo Simon Pegg, Il Odgen Morrow co-ideatore di Oasis in Ready Player One,Ving Rhames, il Marsellus Wallace di Pulp Fiction, Alec Baldwin, che fa la sua comparsa in Rouge Nation, Sean Harris  e Rebecca Ferguson. Le new entry in questo sesto capitolo sono: Henry Cavill e Angela Bassett.

Ethan Hunt riceve a Belfast l’ordine di una nuova missione: quella di recuperare una valigia piena di plutonio e scovare  chi vuole impadronirsene. Una volta arrivato a Berlino decide di salvare Benji e Luther, i suoi collaboratori più fidati, mettendo a repentaglio la missione. Il plutonio quindi finisce nelle mani sbagliate.  Ethan e i suoi collaboratori devono disinnescare non uno ma due ordigni nucleari che potrebbero spazzare in un solo colpo 1/3 della popolazione mondiale.  Una lotta contro il tempo che non sembra spaventare il protagonista.  In questa missione di recupero viene affiancato da August Walker un agente doppiogiochista della CIA.  L’obiettivo è smascherare John Lark e mettersi in contatto con la Vedova  Bianca, un’intermediaria sexy e letale.  Riuscirà Ethan Hunt a portare a termine la missione e salvare milioni di persone?

In questo sesto capitolo della saga di Mission Impossible Tom Cruise è più in forma che mai, come dimostrano le adrenaliniche scene del film. Sembra che con lui il tempo si sia fermato. Nonostante a luglio abbia compiuto 56 anni, il suo fisico sembra non risentirne visto che ha deciso anche questa volta di non  volere stuntman sul set. Henry Cavill  si trova perfettamente a suo agio nei panni dell’agente doppiogiochista della CIA. Il suo personaggio non mette in ombra il protagonista. Oramai per i fan della saga, che va avanti da ben 22 anni, l’unico Ethan Hunt è Tom Cruise. Ho apprezzato la scelta del cast e la trama.

Posso dire che il film non ha deluso le mie aspettative. Vi consiglio di andarlo a vedere al cinema ne vale pena. La pellicola non annoia mai nonostante i 150 minuti di durata.  Finora è uno dei migliori film in uscita in questo 2018. Mission Impossible Fallout è il miglior Mission Impossible di sempre? Lo lascio giudicare a voi dopo la visione della pellicola in sala.

Voto:3,5/5

 

 

Ocean’s 8: una rapina tutta al femminile per Gary Ross

Ocean's 8

 Paese      USA
 Lingua     Inglese
 Anno      2018
 Durata     110 min

Ocean’s 8 è il nuovo film diretto da Gary Ross, regista di pellicole come Hunger Games e Free State of Jones,  e uscito nelle sale italiane il 26 luglio.  Nel cast oltre al premio Oscar Sandra Bullock nel ruolo della protagonista, ci sono anche Cate Blancett, Anne Athaway, Helena Bonham Carter , Awkafina, rapper e attrice statunitense, Mindy Kaling, comica  e scrittrice statunitense, Sara Paulson, apparsa in The Post nel ruolo della moglie di Tom Hanks, e infine la cantante Rihanna. Questo per lei è il sesto film.

La protagonista di Ocean’s 8 è Debby Ocean, sorella di Danny, che ha passato  5 anni 8 mesi e 12 giorni dietro le sbarre progettando il colpo del secolo. Il piano è quello di rubare una collana di Cartier del valore di  150 milioni di euro, durante l’annuale Gala del Metropolitan Museum. Per portarlo a termine Debby dovrà affidarsi alle migliori. La prima componente della banda è Louise, bikers e partner storica nel crimine. Seguono una hacker, una borseggiatrice, una stilista di moda  e una ricettatrice. Riusciranno a portare fino in fondo questa rapina senza essere scoperte?

Dopo ben 11 anni Gary Ross ripropone un mix tra sequel e spin-off della trilogia diretta da Steven Sodebergh  e  uscita tra il 2001 e il 2007. Ho apprezzato la scelta del cast e lo sviluppo della trama.  Tra le componenti della banda quella che mi ha sorpreso di più è stata la cantante Rihanna che ha interpretato il ruolo di una hacker.  Nella pellicola c’è un velo di mistero. Inizialmente ci viene mostrata la bara di Denny Ocean’s, ma il regista Gary Ross non fa capire allo spettatore in sala se il fratello di Debby è realmente morto.

Una action commedy  molto divertente che consiglio di andare a vedere. Non ve ne pentirete. Chissà se Gary Ross deciderà di farne un seguito. Per saperne di più dovremmo aspettare i prossimi mesi.

Voto:3,5/5

 

 

 

Deadpool 2: il ritorno al cinema dell’anti-eroe mercenario di casa Marvel

 Paese      Usa
 Lingua      Inglese
 Anno      2018
 Durata    119 min

Deadpool 2 è l’attesissimo cinecomics Marvel prodotto dalla 20th Century Fox e diretto da David Leitch. La pellicola è uscita nelle sale italiane il 15 maggio mentre in america uscirà il 18. Nel cast del film  oltre a Ryan Reynolds, c’è anche Josh Brolin presente anche in Avengers Infinity War. Strano che un attore faccia parte del cast di due cinecomics molto attesi, usciti in questi ultimi due mesi.

L’antieroe mercenario dalla battuta sempre pronta, in questo secondo capitolo si ritrova a combattere in giro per il mondo. Un evento che cambierà per sempre la sua vita, lo porta alla residenza degli X-Men dove ritrova Colosso il mutante che ha l’abilità di trasformare il proprio corpo in un quasi indistruttibile “acciaio organico” e Testata Mutante Negasonica  che ha il potere della telepatia.  Il nemico con il quale si dovrà confrontare è Cable, un cyborg mutante proveniente da un misterioso futuro. L’obiettivo però sembra essere un ragazzino di nome Russell cresciuto in un orfanotrofio. Il suo super-potere è quello di lanciare palle di fuoco dalle mani. Per salvarlo Deadpool forma una squadra che decide di chiamare X-Force. All’interno di questa squadra troviamo anche nuovi personaggi come Domino e Shatterstar.  Come mai Cable vuole a tutti i costi  far fuori il ragazzino?

In Deadpool 2 ci sono più personaggi rispetto al primo capitolo. Di questa pellicola ho apprezzato la trama. Certo le battute del mercenario mutante con la capacità di auto rigenerarsi, non sono a livello di quelle del primo film, ma comunque conducono lo spettatore in sala alla risata. Le scene d’azione sono state girate molto bene. Non a caso, il regista è David Leitch che, negli ultimi anni ha diretto John Wick e Atomica Bionda. Rispetto al primo  troviamo molta più violenza e splatter. Negli Usa la pellicola è stata vietata ai minori di 17 anni mentre in Italia no. Se siete fan di Deadpool e dei cinecomics Marvel, non potete perdervi questo secondo capitolo. Non deluderà le vostre aspettative.

Voto:3,5 /5

 

 

 

 

Avengers Infinity War : 10 anni di Marvel Cinematic Universe

 Paese      USA
 Lingua      Inglese
 Anno      2018
 Durata     149 min

Avengers Infinity War è un film diretto dai fratelli  Anthony e Joe Russo e uscito nelle sale italiane il 25 aprile. Questa è la pellicola conclusiva dei primi 10 anni del Marvel Cinematic Universe.  Nel cast della pellicola ritroviamo Chris Evans che non vedevamo sugli schermi cinematografici da Captain America Civil War, Mark Ruffalo nei panni di Hulk e Chris Hemsworth nei panni di Thor lasciati inspiegabilmente fuori dal terzo e ultimo film su Steven Rogers.

In Avengers Infinity War la minaccia si chiama Thanos, uno dei villain più potenti del Marvel Cinematic Universe, proveniente da Titano.  Gli Avengers con il supporto di Black Panter, Doctor Strange e I Guardiani della Galassia dovranno evitare che venga in possesso di tutte e sei le gemme dell’infinito. La battaglia avverrà su tre zone diverse. Nello spazio, sulla terra e nel Wakanda. Ritroveremo il super tecnologico Stato dell’Africa, con il suo sovrano T’Challa.  Da questo film è stato inserito come membro del team degli Avengers anche il giovane Spiderman. In aiuto del team di supereroi viene chiamato anche Doctor Strange. Nel caso Thanos dovesse recuperarle tutte, potrebbe spazzare via metà della popolazione della terra, con il solo schiocco delle dita. Riusciranno i supereroi Marvel ad evitare tutto questo? La battaglia con il potente Tanos porterà a delle perdite?

Per Avengers Infinity War, la pellicola che comprende tutti i supereroi arrivati al cinema in questi 10 anni di Marvel Cinematic Universe, la Marvel non poteva che scegliere il più potente tra i villain. Ce ne hanno messo di tempo, ma alla  fine ne hanno collezionato uno come si deve,  a mio avviso il migliore della Marvel. Questo rimane il miglior cinecomics non solo del 2018 ma anche dei primi 10 anni di Marvel Cinematic Universe. Ho apprezzato la trama e anche la caratterizzazione dei personaggi, in particolare quello di Gamora. Nel corso della pellicola scopriamo le sue origini e anche il suo collegamento con il supercriminale Tanos. Di tutti i personaggi Marvel presenti nella pellicola, Black Panter è quello che mi è piaciuto di meno. Sembrava un pò sottotono rispetto al film sul suo personaggio uscito nel mese di febbraio.

Se siete fan del Marvel Cinematic Universe o dei fumetti sui supereroi, allora non potete perdervi Avengers Infinity War. Uscirete dalla sala soddisfatti.  Per vedere cosa ci riserverà il quarto capitolo cinematografico sugli Avengers, bisognerà aspettare il 2019.  Comunque la scena post credits potrebbe dare una piccola  anticipazione.

Voto:5/5

 

 

 

Nella tana dei Lupi: Gerard Butler prova a evitare la rapina del secolo

 Paese      USA
 Lingua      Inglese
 Anno      2018
 Durata     140 min

Nella tana dei Lupi è il nuovo action thriller diretto da Christian Gudegast e uscito nelle sale italiane il 5 aprile 2018.  Nel cast Gerard Butler, noto al grande pubblico per film come 300, Attacco al Potere e Gods of Egypt e l’ex rapper 50 cent, arrivato nel mondo del cinema con il film Get Rich or Die Tryin del 2005.

La pellicola Nella tana dei Lupi è ambientata a Los Angeles. Il protagonista è Nick O’ Brien un poliziotto che dirige una squadra anticrimine.  Il suo arrivo sulla scena arriva dopo una rapina ad un furgone portavalori finita con l’uccisione di alcuni poliziotti. Nick O’Brien scopre che però il furgone era vuotoe non riesce a capacitarsi perchè abbiano fatto tutto questo casino. Il piano di questa banda fatta da ex marines  è un altro. Riuscire a derubare la sede di Los Angeles della Federal Reserve Bank. Il palazzo governativo è impenetrabile e l’impresa è alquanto proibitiva. Loro però non si lasciano spaventare e proseguono per la loro strada.  Nick e i suoi uomini però riescono a mettere sotto torchio un membro della banda estorcendogli informazioni molto preziose.

Nella tana dei Lupi mantiene le promesse:adrenalina e virilità impetuosa. Per essere al suo primo lungometraggio, il regista Christian Gudegast se l’è cavata bene. Con Gerard Butler come protagonista il successo è garantito. L’attore americano si è calato molto bene nel ruolo del poliziotto sopra le righe. Mi è piaciuta anche la frase che ripete Nick O’Brien il personaggio interpretato da Gerard Butler:”Ti sembriamo i tipi che arrestano? Noi spariamo”. Questo per far capire che l’unica cosa che differenzia la squadra della Major Crimes dalla banda delle rapine è l’obiettivo finale.

Unica nota negativa la durata della pellicola. Secondo me 140 minuti erano troppi. La durata giusta era 120 min.  In questo 2018 vedremo Gerard Butler nuovamente al cinema con Angel Has Fallen il terzo capitolo del franchise Attacco al potere. Al momento però non sappiamo ne la data di uscita nei cinema americani e ne quella nei cinema italiani.

Voto:3/5

 

 

Bruce Willis il giustiziere duro a morire

Il giustiziere della notte

 Paese      USA
 Lingua      Inglese
 Anno     2018
 Durata    107 min

Il giustiziere della notte è il nuovo film action diretto da Eli Roth, regista di pellicole come Cabin Fever, Hostel, Hostel:Part II e Knock Kncok, e in uscita in Italia l’8 marzo 2018.  Nel cast della pellicola troviamo oltre a Bruce Willis, Elisabeth Shue, nota al grande pubblico per pellicole come Il matrimonio che vorrei insieme a Maryl Streep, L’uomo senza ombra insieme a Kevin Bacon e La Battaglia dei sessi nel quale recita al fianco di Emma Stone e Steve Carell, Camilla Morrone modella al suo primo ruolo da attrice, Vincent D’Onofrio, noto al grande pubblico per il ruolo del soldato Palla di lardo nel capolavoro di Stanley Kubrick Full Metal Jacket uscito nel 1987, per altre pellicole come Fire with Fire e Run All Night una notte per sopravvivere e per la sua interpretazione di Wilson Fisk nella serie Marvel prodotta da Netflix Daredevil, Beau Knapp, noto per aver recitato in pellicole come Run All Night una notte per sopravvivere e The Nice Guys insieme a Russel Crowe e Ryan Gosling e infine Kimberly Elise, che ha recitato in pellicole come The Manchurian Candidate, Bait insieme a Jamie Foxx e John Q insieme a Denzel Washington.

Il giustiziere della notte è ambientato  a  Chicago. Paul Kersey il protagonista è un medico del pronto soccorso del pronto soccorso della città dell’Illinois. La sua vita scorre tranquilla, fino a quando dei rapinatori irrompono in casa sua uccidendo la moglie e riducendo in coma la figlia. I due poliziotti che si stanno occupando del caso, dicono al dottore di avere pazienza e che alla fine chi ha fatto del male  alla figlia e alla moglie verrà assicurato alla giustizia. Stanco di aspettare, Paul Kersey  se ne va in giro per le strade di Chicago alla ricerca dei criminali che hanno massacrato la sua famiglia. La sua però non è una vendetta personale, ma più una volontà di voler ripulire la città dalla criminalità.  Subito tra i media e le radio locali si sparge la voce dell’arrivo in città di un angelo custode ribattezzato l’uomo con il cappuccio, dall’identità sconosciuta.

Il personaggio è proprio scritto a posta per Bruce Willis, solo lui poteva interpretarlo.  Ho apprezzato anche qualche battuta ironica da parte del protagonista. Sono rimasto anche piacevolmente sorpreso da Vincent D’Onofrio che di solito in questo genere di film è sempre dalla parte dei cattivi.  Con questo film Bruce Willis torna l’attore che tutti noi conosciamo, il genere action-thriller è quello che più gli si adatta.

Voto:3,5/5