Deadpool 2: il ritorno al cinema dell’anti-eroe mercenario di casa Marvel

 Paese      Usa
 Lingua      Inglese
 Anno      2018
 Durata    119 min

Deadpool 2 è l’attesissimo cinecomics Marvel prodotto dalla 20th Century Fox e diretto da David Leitch. La pellicola è uscita nelle sale italiane il 15 maggio mentre in america uscirà il 18. Nel cast del film  oltre a Ryan Reynolds, c’è anche Josh Brolin presente anche in Avengers Infinity War. Strano che un attore faccia parte del cast di due cinecomics molto attesi, usciti in questi ultimi due mesi.

L’antieroe mercenario dalla battuta sempre pronta, in questo secondo capitolo si ritrova a combattere in giro per il mondo. Un evento che cambierà per sempre la sua vita, lo porta alla residenza degli X-Men dove ritrova Colosso il mutante che ha l’abilità di trasformare il proprio corpo in un quasi indistruttibile “acciaio organico” e Testata Mutante Negasonica  che ha il potere della telepatia.  Il nemico con il quale si dovrà confrontare è Cable, un cyborg mutante proveniente da un misterioso futuro. L’obiettivo però sembra essere un ragazzino di nome Russell cresciuto in un orfanotrofio. Il suo super-potere è quello di lanciare palle di fuoco dalle mani. Per salvarlo Deadpool forma una squadra che decide di chiamare X-Force. All’interno di questa squadra troviamo anche nuovi personaggi come Domino e Shatterstar.  Come mai Cable vuole a tutti i costi  far fuori il ragazzino?

In Deadpool 2 ci sono più personaggi rispetto al primo capitolo. Di questa pellicola ho apprezzato la trama. Certo le battute del mercenario mutante con la capacità di auto rigenerarsi, non sono a livello di quelle del primo film, ma comunque conducono lo spettatore in sala alla risata. Le scene d’azione sono state girate molto bene. Non a caso, il regista è David Leitch che, negli ultimi anni ha diretto John Wick e Atomica Bionda. Rispetto al primo  troviamo molta più violenza e splatter. Negli Usa la pellicola è stata vietata ai minori di 17 anni mentre in Italia no. Se siete fan di Deadpool e dei cinecomics Marvel, non potete perdervi questo secondo capitolo. Non deluderà le vostre aspettative.

Voto:3,5 /5

 

 

 

 

A Beautiful Day un mix letale di violenza e vendetta

 Paese     USA
 Lingua      Inglese
 Anno    2017
 Durata    95  min

A Beautiful Day è un thriller diretto da Lynne Ramsay. La pellicola è uscita il 1 maggio nelle sale italiane. Nel cast c’è anche l’attore l’attore americano Joaquin Phoenix che si è fatto conoscere attraverso  film come Il Gladiatore, I Padroni della notte, Vizio di Forma e Irrational Man.

Il protagonista è Joe un uomo che abita insieme alla madre anziana. Lui è un veterano di guerra affetto da un disturbo post-traumatico  che attualmente lavora come mercenario per chi vuole liberarsi di uomini pericolosi.  Il suo ultimo incarico riguarda il salvataggio di Nina la figlia di un politico locale finita in un giro di prostituzione minorile. Con il solo martello come arma, unito alla brutale violenza dei suoi pugni, Joe dovrà liberare la ragazzina e riportarla da suo padre. In lui improvvisamente affiora un istinto paterno e un desiderio di proteggerla che vanno ben oltre il lavoro per il quale è stato profumatamente pagato. Joe però non ha fatto i conti con i trafficanti del sesso ai quali è stata sottratta Nina.

In A Beautiful Day, vincitore al Festival di Cannes del 2017 di due premi quello per il miglior attore andato a Joaquin Phoenix e quello per la miglior sceneggiatura, la trama è semplice e il passato di Joe ci viene spiegato  attraverso dei flashback.  Forse alla giuria del festival francese è piaciuto il modo di raccontare la storia della regista Lynne Ramsey e la grande interpretazione di Joaquin Phoenix. La frase:”Se lei è lì la troverò”, fa capire che Joe, quando accetta un incarico lo porta a termine. Lui non fallisce mai. Joaquin Phoenix si dimostra camaleontico, riuscendo ad interpretare personaggi sempre diversi. La definizione di Taxi Driver del ventunesimo secolo coniata dai critici presenti all’anteprima di Cannes, calza a pennello.  Due sono i punti in comune tra il personaggio di Joe interpretato da Joaquin Phoenix e quello di Travis interpretato da De Niro nel capolavoro del 1976. Il primo è che sono entrambi ex veterani di guerra con dei  disturbi, il secondo invece quello di voler proteggere due ragazzine che si trovano immischiate nel giro della prostituzione.

Questo non è un film adatto a tutti, anche se da parte della regista non viene mostrata tutta la brutalità dei colpi inferti dal protagonista. Non sono un grande fan di Joaquin Phoenix, ma in questo film ho apprezzato la sua interpretazione.  In questo 2018 abbiamo visto l’attore americano già nelle sale italiane con il film religioso Maria Maddalena uscito il 15 marzo. Prossimamente lo vedremo anche nei panni del Joker nello spin-off  delle pellicole su Batman. Consiglio la visione di questo thriller/noir anche a chi non è fan di Joaquin Phoenix.

Voto:3,5/5

 

Avengers Infinity War : 10 anni di Marvel Cinematic Universe

 Paese      USA
 Lingua      Inglese
 Anno      2018
 Durata     149 min

Avengers Infinity War è un film diretto dai fratelli  Anthony e Joe Russo e uscito nelle sale italiane il 25 aprile. Questa è la pellicola conclusiva dei primi 10 anni del Marvel Cinematic Universe.  Nel cast della pellicola ritroviamo Chris Evans che non vedevamo sugli schermi cinematografici da Captain America Civil War, Mark Ruffalo nei panni di Hulk e Chris Hemsworth nei panni di Thor lasciati inspiegabilmente fuori dal terzo e ultimo film su Steven Rogers.

In Avengers Infinity War la minaccia si chiama Thanos, uno dei villain più potenti del Marvel Cinematic Universe, proveniente da Titano.  Gli Avengers con il supporto di Black Panter, Doctor Strange e I Guardiani della Galassia dovranno evitare che venga in possesso di tutte e sei le gemme dell’infinito. La battaglia avverrà su tre zone diverse. Nello spazio, sulla terra e nel Wakanda. Ritroveremo il super tecnologico Stato dell’Africa, con il suo sovrano T’Challa.  Da questo film è stato inserito come membro del team degli Avengers anche il giovane Spiderman. In aiuto del team di supereroi viene chiamato anche Doctor Strange. Nel caso Thanos dovesse recuperarle tutte, potrebbe spazzare via metà della popolazione della terra, con il solo schiocco delle dita. Riusciranno i supereroi Marvel ad evitare tutto questo? La battaglia con il potente Tanos porterà a delle perdite?

Per Avengers Infinity War, la pellicola che comprende tutti i supereroi arrivati al cinema in questi 10 anni di Marvel Cinematic Universe, la Marvel non poteva che scegliere il più potente tra i villain. Ce ne hanno messo di tempo, ma alla  fine ne hanno collezionato uno come si deve,  a mio avviso il migliore della Marvel. Questo rimane il miglior cinecomics non solo del 2018 ma anche dei primi 10 anni di Marvel Cinematic Universe. Ho apprezzato la trama e anche la caratterizzazione dei personaggi, in particolare quello di Gamora. Nel corso della pellicola scopriamo le sue origini e anche il suo collegamento con il supercriminale Tanos. Di tutti i personaggi Marvel presenti nella pellicola, Black Panter è quello che mi è piaciuto di meno. Sembrava un pò sottotono rispetto al film sul suo personaggio uscito nel mese di febbraio.

Se siete fan del Marvel Cinematic Universe o dei fumetti sui supereroi, allora non potete perdervi Avengers Infinity War. Uscirete dalla sala soddisfatti.  Per vedere cosa ci riserverà il quarto capitolo cinematografico sugli Avengers, bisognerà aspettare il 2019.  Comunque la scena post credits potrebbe dare una piccola  anticipazione.

Voto:5/5

 

 

 

Molly’s Game la vera storia della principessa del Poker

 Paese      USA
 Lingua      Inglese
 Anno      2017
 Durata    140 min

 

Molly’s Game  è un biopic diretto da Aaron Sorkin, alla sua prima esperienza da regista e uscito nelle sale italiane il 19 aprile 2018. Nel cast del film anche l’attore britannico Idris Elba diventato famoso grazie a pellicole come Ghost Rider-Spirito di Vendetta, The Gunman insieme a Sean Penn e Javier Barden, La Torre Nera tratto da uno dei libri di Stephen King e il cinecomics Marvel Thor: Ragnarok  e il premio Oscar Kevin Costner.

La pellicola narra la vera storia di Molly Bloom un’ex sciatrice free-style che nella gara che poteva qualificarla alle Olimpiadi invernali di Salt Lake City del 2002 subisce un brutto incidente che ne compromette la carriera. La giovane ragazza, decide di rimandare l’inizio della scuola di legge ad Harvard per trasferirsi a Los Angeles. Per mantenersi lavora come cameriera in uno dei locali più esclusivi della città californiana. Una sera mentre sta ordinando da bere ai tavoli incontra Dean Keith. Da quel momento la sua vita cambia. Prima diventa la sua  assistente personale venendo introdotta nelle serate del poker clandestino organizzate il martedì  al Cobra Lounge e poi grazie a Giocatore X, diventa l’organizzatrice delle serate più ambite a Los Angeles e New York con un buy-in (cifra da pagare per l’ingresso ad un torneo di poker) di 250000 dollari.

Per essere alla sua prima regia Aaron Sorkin se l’è cavata molto bene.  Il punto forte di Molly’s Game è la sceneggiatura. In questa pellicola il regista ci mostra la protagonista in tutte le sue diverse fasi: quella di bambina, quella adolescenziale, quella di ragazza che dopo il college decide di andare a Los Angeles e infine quella adulta. In quest’ultima fase la troviamo nello studio di un avvocato in procinto di affrontare un processo. L’accusa è quella di aver organizzato partite di poker clandestino e aver intrattenuto rapporti con la mafia russa. Consiglio la visione della pellicola non solo agli amanti dei film biografici,  sul poker, ai fan degli attori Idris Elba e Kevin Costner ma anche a chi ha soltanto sentito parlare di Molly Bloom e vuole saperne di più. Non ne rimarrete delusi.

Voto: 3,5/5

 

 

Game Night-Indovina chi muore stasera?

 Paese     USA
 Lingua     Inglese
 Anno     2018
 Durata    100 min

Game Night è la nuova thriller commedy diretta da John Francis Daley e Jonathan M.Goldstein, sceneggiatori di Come ammazzare il capo e vivere felici, e in arrivo nelle sale italiane il 1 maggio 2018.  Nel cast della pellicola ci sono  Jason Bateman, diventato famoso per film  come Palle al balzo -Dodgeball nel quale però aveva un ruolo secondario,quello del commentatore delle partite, Come ammazzare il capo e vivere felici, il thriller Regali da uno sconosciuto – The Gift e la commedia natalizia La Festa prima delle feste insieme a Jennifer Aniston e Rachel McAdams, resa celebre da pellicole come Sherlock Holmes insieme a Robert Downey Jr e Jude Law, Midnight in Paris insieme a Owen Wilson, Il caso Spotlight insieme a Michael Keaton e Mark Ruffalo  e Doctor Strange.

I protagonisti di Game Night sono Max e Annie, una coppia felicemente sposata che nel weekend organizza serate gioco insieme ad altre coppie di amici. Un giorno, ricompare nella loro vita Brooks, il fratello carismatico di Max, che non vedevano da più di un anno. Quando arriva in casa di Max e Annie per partecipare ad una serata gioco, dice loro che si fermerà qualche giorno per affari. Il giorno dopo li invita ad una serata gioco nella sfarzosa  casa che ha affittato. Quella che ha organizzato è una cena con delitto nella quale improvvisamente arriveranno dei finti agenti federali e dei criminali improvvisati. Dopo il rapimento di Brooks, Max e i suoi amici pensano ancora che faccia parte del gioco. Senza perdere tempo, si mettono alla ricerca degli indizi  che portano alla risoluzione del caso. Farà tutto parte della cena con delitto organizzata dal fratello di Max Brooks?

I registi John Francis Daley e Jonathan M.Goldstein, al loro secondo film dietro la macchina da presa, confezionano un film come Game Night che unisce due generi diversi come la commedia e il thriller. Jason Bateman e Rachel McAdams sono perfetti nel ruolo di marito e moglie appassionati di giochi di società. La McAdams mi ha sorpreso in questo ruolo comico. Questa è la prima commedia con un ruolo da protagonista. Nel 2005 aveva partecipato al film  Due single a nozze, ma aveva un ruolo secondario. Ne consiglio la visione. Questa è una commedia nella quale si ride dall’inizio alla fine. Dopo la visione di questa pellicola, vi verrà anche a voi la voglia di organizzare serate gioco insieme ai vostri amici. Dal 1 maggio correte al cinema se non volete perdervi questa nuova commedia targata Warner Bros.

Voto 3,5/5

 

 

A Quiet Place l’horror-thriller post apocalittico con Emily Blunt

 Paese      USA
 Lingua     Inglese
 Anno     2018
 Durata    90 min

A Quiet Place è un horror -thriller diretto da John Krasinski e uscito nelle sale italiane il 5 aprile 2018.  Questo è il suo terzo film da regista dopo Brief interviews  with  Hideous Man uscito nel 2008 e The Hollars uscito nel 2016.  Nel cast della pellicola anche Emily Blunt, nota al grande pubblico per Il diavolo veste Prada, I Guardiani del destino insieme a Matt Damon, Into The Woods e La ragazza del treno.

Il film è ambientato nel 2020 in uno scenario post apocalittico nel quale la terra è invasa da alieni privi di vista ma con un udito molto sensibile.  La scena iniziale vede la famiglia Abbott, composta da Lee, sua moglie Evelyn, la figlia sorda Regan e i figli Marcus e Beau  far rifornimento di cibo e medicinali all’interno di un supermercato. Per evitare di essere uccisi comunicano soltanto attraverso il linguaggio dei segni. Addirittura decidono di camminare scalzi sia in casa che all’aperto.  La famiglia Abbott vive sempre nel terrore che il minimo  rumore possa diventare un pericolo mortale. Evelyn però è in procinto di partorire e quindi presto arriverà un altro figlio. Riuscire a mantenere il silenzio sarà un’impresa ancora più ardua.

Ho apprezzato il coraggio del regista John Krasinski nel voler proporre un film muto, dove le parole pronunciate dai protagonisti si contano sulle dita di una mano.  Un azzardo che però alla fine ha pagato. Grande interpretazione di Emlily Blunt.  Mi sono piaciuti anche Millicent Simmonds e Noah Jupe che hanno interpretato Regan e Marcus i figli di Evelyn e Lee.  Di solito nei film horror i bambini sono sempre la parte negativa.

A Quiet Place non è il solito horror infarcito di scene violente dove il sangue schizza dappertutto. Nonostante ciò ha la giusta tensione e ti mantiene incollato alla poltrona della sala cinematografica fino alla fine della pellicola.  Questo è un film che può essere visto anche da chi non è amante del genere. A Quiet Place è una pellicola che consiglio di vedere se siete fan di Emily Blunt o del genere horror-thriller.

Voto:3,5/5

 

 

 

Nella tana dei Lupi: Gerard Butler prova a evitare la rapina del secolo

 Paese      USA
 Lingua      Inglese
 Anno      2018
 Durata     140 min

Nella tana dei Lupi è il nuovo action thriller diretto da Christian Gudegast e uscito nelle sale italiane il 5 aprile 2018.  Nel cast Gerard Butler, noto al grande pubblico per film come 300, Attacco al Potere e Gods of Egypt e l’ex rapper 50 cent, arrivato nel mondo del cinema con il film Get Rich or Die Tryin del 2005.

La pellicola Nella tana dei Lupi è ambientata a Los Angeles. Il protagonista è Nick O’ Brien un poliziotto che dirige una squadra anticrimine.  Il suo arrivo sulla scena arriva dopo una rapina ad un furgone portavalori finita con l’uccisione di alcuni poliziotti. Nick O’Brien scopre che però il furgone era vuotoe non riesce a capacitarsi perchè abbiano fatto tutto questo casino. Il piano di questa banda fatta da ex marines  è un altro. Riuscire a derubare la sede di Los Angeles della Federal Reserve Bank. Il palazzo governativo è impenetrabile e l’impresa è alquanto proibitiva. Loro però non si lasciano spaventare e proseguono per la loro strada.  Nick e i suoi uomini però riescono a mettere sotto torchio un membro della banda estorcendogli informazioni molto preziose.

Nella tana dei Lupi mantiene le promesse:adrenalina e virilità impetuosa. Per essere al suo primo lungometraggio, il regista Christian Gudegast se l’è cavata bene. Con Gerard Butler come protagonista il successo è garantito. L’attore americano si è calato molto bene nel ruolo del poliziotto sopra le righe. Mi è piaciuta anche la frase che ripete Nick O’Brien il personaggio interpretato da Gerard Butler:”Ti sembriamo i tipi che arrestano? Noi spariamo”. Questo per far capire che l’unica cosa che differenzia la squadra della Major Crimes dalla banda delle rapine è l’obiettivo finale.

Unica nota negativa la durata della pellicola. Secondo me 140 minuti erano troppi. La durata giusta era 120 min.  In questo 2018 vedremo Gerard Butler nuovamente al cinema con Angel Has Fallen il terzo capitolo del franchise Attacco al potere. Al momento però non sappiamo ne la data di uscita nei cinema americani e ne quella nei cinema italiani.

Voto:3/5

 

 

Ready Player One: Il mondo virtuale secondo Steven Spielberg

Ready Player One

 Paese       USA
 Lingua      Inglese
 Anno      2018
 Durata     140 min

Ready Player One è il nuovo film diretto da Steven Spielberg e uscito nelle sale italiane il 28 marzo 2018. Questo è il secondo film del grande regista americano che esce nelle sale italiane in questo 2018.

La pellicola è ambientata a Columbus nel 2045 e il protagonista si chiama Wade. La miseria e la mancanza di prospettiva hanno spinto la popolazione a rifugiarsi su Oasis, una realtà virtuale creata dal genio di James Halliday. Qui ognuno può essere ciò che vuole, il suo avatar può essere anche un animale, e fare ciò che vuole, non ci sono regole. Prima della sua morte rivela la presenza di un easter egg, un livello segreto che consente, a chi lo trova e vince ognuna delle tre sfide, di avere il pieno controllo  di Oasis. Nessuno prima d’ora era riuscito a terminarle. Parsival, l’avatar di Wade in questo mondo virtuale, è determinato a vincerle tutte. Ogni sfida consegna al vincitore una chiave che permette di passare a quella successiva. Riuscirà Parsival, l’avatar di Wade, a vincerle e ad avere l’intero controllo di Oasis?

In questa pellicola abbiamo ritrovato lo Spielberg degli anni ’80 e dei primi anni ’90. Questa volta si è superato. Mi sono piaciute le musiche anni ’80 e le citazioni ad altri film che hanno fatto la storia del cinema. Quello fatto da Steven Spielberg in Ready Player One è stato un omaggio. Per la prima volta il regista americano si confrontava con la realtà virtuale. Devo dire che si è superato. Nella cerimonia degli Oscar del prossimo anno  si merita di vincere qualche statuetta.

Siccome ci sono persone che non lo hanno ancora visto, non voglio spoilerare più di tanto e quindi non dirò quali sono i film omaggiati da Spielberg all’interno di Ready Player One. Voglio che lo scopriate vedendolo al cinema. Scrivetemi nei commenti se il film  vi è piaciuto, se lo andrete a vedere incuriositi dal trailer oppure dalla mia recensione.

Voto:3,5/5

 

 

Red Sparrow

Red Sparrow

 Paese      USA
 Lingua      Inglese
 Anno      2018
 Durata     139 min

Red Sparrow è il nuovo film diretto da Francis Lawrence e uscito nelle sale italiane il 1 marzo. Nel cast oltre a Jennifer Lawrence ci sono Jeremy Irons e Joel Edgerton noto al grande pubblico per pellicole come Black Mass insieme a Johnny Deep, Regali da uno sconosciuto -The Gift e Bright dove recita con Will Smith.

Red Sparrow è ambientato a Mosca in Russia. La protagonista è Dominica Egorova prima ballerina del Bolshoi  che vive insieme alla madre malata di cui si prende cura.  Quando un incidente mette fine alla sua carriera, la ragazza accetta la proposta dello zio di servire lo stato. Da quel momento in poi diventa una Sparrow, un’agente pronta a tutto, un’arma di seduzione letale. Ormai la decisione è stata presa, nonostante la madre cerchi  di farle cambiare idea. All’inizio è un pò riluttante nell’accettare gli insegnamenti che le vengono forniti durante l’addestramento, ma una volta iniziata la missione che le viene affidata si dimostra una donna in grado di tradire il proprio paese alla prima occasione.

Jennifer Lawrence si cala perfettamente nel ruolo, nonostante sia la prima volta in un film di spionaggio. Per il dopo Daniel Craig nella saga su James Bond, qualora volessero puntare su una versione femminile dell’agente 007, potrebbe essere presa in considerazione. Rispetto ad Atomica Bionda, il film di spionaggio con Charlize Theron qui l’azione è del tutto assente. Red Sparrow è un film molto più violento. Diciamo che è un film di spionaggio classico tipo Intrigo Internazionale di Alfred Hitchcock, ma con più sangue. In questa pellicola Jennifer Lawrence viene addestrata  a capire la psicologia di chi hanno di fronte estorcendogli più informazioni possibili e non a combattere. L’unica arma che la protagonista Dominica ha a disposizione è la seduzione.  L’attrice americana è lontana dalle interpretazioni in Il Lato Positivo e Joy con i quali ha vinto  due Oscar come miglior attrice nel 2013 e nel 2016

Una pellicola che consiglio di andare a vedere, visto che è ancora in sala. Non ne rimarrete delusi. Se siete fan di Jennifer Lawrence non potete perdervelo. Fatemi sapere nei commenti cosa ne pensate di Red Sparrow, se è stato di vostro gradimento, oppure se avete apprezzato l’attrice americana in altre pellicole.

Voto:3/5

 

 

Due gran figli di

 Paese      Usa
 Lingua      Inglese
 Anno      2017
 Durata     113 min

Due gran Figli di è la nuova commedia diretta da Lawrence Sher e uscita nelle sale italiane il 1 marzo. Nel cast Owen Wilson, Ed Helmes che tutti conosceranno per il ruolo di Stu  nella trilogia di Una notte da leoni, J.K. Simmons,noto al grande pubblico per le sue interpretazioni in pellicole come Spiderman 2, Burn After Riding A prova di Spia, Contraband  e Justice League nel ruolo del commissario Gordon, Glen Close nota per Attrazione Fatale insieme a Michael Douglas, il live-action Disney La carica dei 101, La carica dei 102 e Mistero a Crooked House. ChristophenWalken noto al grande pubblico per Batman il ritorno del 1992, Prova a prendermi del 2001, Cambia la tua vita con un click del 2006  e Uomini di parola del 2013. 

Il film narra la storia dei gemelli Kyle e Peter che si ritrovano al matrimonio della madre. Il primo vive nel lusso  senza far nulla, perchè la sua immagine è finita sull’etichetta di una salsa barbecue di grande sucesso, sta per sposarsi e per avere un figlio da una bellissima e giovane donna conosciuta alle Hawaii dove attualmente vive. Peter invece è un medico in preda ad una crisi di mezz’età, separato e detestato dal figlio. Alla festa per il nuovo matrimonio della madre scoprono che lei finora ha mentito sull’identità del loro padre. A questo punto Kyle e Peter decidono di andare fino in fondo decisi a scoprire la verità. Convinti che il loro padre sia il campione di football Terry Bradshaw si recheranno subito a Miami. Una volta arrivati lì capiranno che la madre negli anni ’70  ha avuto un’intensa vita sessuale. 

Due gran Figli di è un road movie poco riuscito. I personaggi di Owen Wilson e Ed Helmes non sono neanche male. Ciò che rende questa commedia poco accattivante è la trama. Ed Helmes non è quello che abbiamo conosciuto in Una notte da Leoni. In quella trilogia, già il titolo ti invogliava ad andarlo a vedere e poi la trama era incentrata sugli adii al celibato di ognuno dei protagonisti. 

Mi sono sembrati un pò eccessivi 113 minuti per una commedia. La durata giusta secondo me è tra i 90 e i 95 min. Ogni tanto ci scappa qualche risata, ma le situazioni all’interno della pellicola sono poco comiche. Ho visto questo film più per curiosità, senza avere grandi aspettative. Non posso dire di essere rimasto deluso.  Se andate a vederlo al cinema non aspettatevi una commedia alla Road Trip o Parto col Folle piene che ti facevano ridere dall’inizio alla fine. 

Voto: 2,5/5