Blade Runner 2049: i nuovi replicanti di Denis Villeneuve

Blade Runner

 Paese    USA
 Lingua    inglese
 Anno    2017
 Durata    163 min

Blade Runner 2049 è la nuova pellicola di fantascienza diretta da Denis Villeneuve e uscita nelle sale italiane il 5 ottobre 2017. Nel cast oltre a Ryan Gosling e Jared Leto, ritroviamo, a distanza di 35 anni dal capolavoro di Ridley Scott, anche Harrison Ford.

In questo film l’ambientazione è la Los Angeles del 2049 innevata, ricordando il paesaggio canadese del regista. Dopo più di trent’anni il mondo è ormai fatto soltanto da replicanti. Il protagonista della pellicola, l’ufficiale K, è uno di loro. I suoi ricordi sono degli innesti e quindi non reali. Ormai i replicanti possono fare le stesse cose degli esseri umani non avendo una data di termine. Come nel capolavoro del 1982 diretto da Rydley Scott, anche in questo sequel c’è una indagine. Questa sconvolge il mondo dei replicanti e la polizia vuole far di tutto per far sparire le prove ed evitare guai peggiori. La notizia riguarda la messa al mondo di un essere umano da parte di un replicante. Questa scoperta per quanto tempo potrà rimanere segreta? L’agente K riuscirà a far sparire le tracce di ciò che ha scoperto o si metterà alla ricerca dell’essere umano dato alla luce da un replicante?

Per Blade Runner 2049 era impossibile fare meglio del capolavoro di Ridley Scott del 1982. Il film comunque è fatto bene. Regge bene il confronto. Nonostante non sia più il protagonista, Harrison Ford se l’è cavata bene in questo sequel. Era impensabile che Denis Villeneuve non lo inserisse nel cast del film. Questa nuova versione dei replicanti non mi dispiace. La scelta del cast è azzeccata. Jared Leto è perfetto nel ruolo di Niander Wallace, colui che ha rilevato la Tyrell e ha perfezionato i replicanti. Riesce subito a diventarti antipatico.

Se siete fan del primo film, quello diretto da Ridley Scott, allora Blade Runner 2049 è ciò che fa per voi. Potrete ritrovare le atmosfere e la tecnologia utilizzate dal regista britannico nel 1982, riproposte dopo bene 35 anni. Non raggiunge la perfezione del primo film ma ne consiglio la visione. Uscirete dalla sala soddisfatti.

Voto 4/5

 

 

12 thoughts on “Blade Runner 2049: i nuovi replicanti di Denis Villeneuve

  1. Thank you for posting this awesome article. I’m a long time reader but I’ve never been compelled to leave a comment. I subscribed to your blog and shared this on my Facebook. Thanks again for a great post!

     
  2. Thanks for writing this awesome article. I’m a long time reader but I’ve never been compelled to leave a comment. I subscribed to your blog and shared this on my Facebook. Thanks again for a great post!

     
    1. Hello, I’m glad you enjoyed my article, that you subscribed to the newsletter and you shared my blog on Facebook. Continue to follow me if you do not want to lose the articles that I will publish in the next days.

       
    1. Hello, I’m glad you enjoyed my blog and that you’re sharing it with your friends. Continue to follow me if you do not want to lose the articles that I will publish in the next days.

       
    1. Hello, thank you for appreciating my article, subscribing to the newsletters having shared my blog on Twitter. Continue to follow me not to lose the articles that I will publish in the next days.

       
  3. Thanks for publishing this awesome article. I’m a long time reader but I’ve never been compelled to leave a comment. I subscribed to your blog and shared this on my Twitter. Thanks again for a great article!

     
    1. Certo il personaggio di Harrison Ford poteva essere inserito meglio nel film, dandogli uno spazio maggiore. Ognuno ha visione diversa della pellicola che può essere condivisibile o meno.

       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *