A.I. Rising – il futuro è adesso

 Paese     Serbia
 Lingua     serbo
 Anno    2018
 Durata    85 minuti

A.I. Rising – Il futuro è adesso

Fascinoso e solitario pilota dalla pluriennale esperienza è inviato nello spazio in missione su Alpha Centauri per la compagnia Ederlezi Corporation. L’uomo, tuttavia non sarà solo, ma un ingegnere sociale della Riformata USSR (Maruša Majer), gli rivela che al suo fianco ci sarà un androide, la bella e algida Nimami (Jessica Stoyadinovich aka Stoya), il cui aspetto e i cui comportamenti sono stati studiati da un’equipe di programmatori per rispecchiare al meglio i desideri e le preferenze di lui.

Il profilo di Milutin mostra alcune problematicita nella vita privata: maltrattato da varie donne in passato. Il film, Ederlezi Rising, è stato presentato al Trieste Science+Fiction Festival in lingua inglese e rappresenta il primo ruolo non pornografico di Stoya. La storia ritrae un futuro distopico in mood Solaris e Blade Runner.

Il vero problema sono le troppe scene di sesso che portano lo spettatore dopo un po’ a chiedersi se è un film di Tinto Brass. Peccato perché le atmosfere sci-fi sono molto curate e anche gli attori sono perfetti, L alchimia tra i due ed il discorso del rapporto tra androide ed umano è interessante, ma se è la vera fantascienza che cercate, non è il film che fa per voi.

Il titolo Ederlezi fa riferimento a una canzone popolare rom e dà l’idea del mood del film, che non rappresenta solo con taglio sci-fi la secolare contrapposizione fantascientifica tra umani e androidi ma anche uno spaccato della cultura slava e serba oggi, a livello politico, dopo gli sconvolgimenti insanguinati degli ultimi decenni, ma anche culturale, sul ruolo (rinegoziato?) della donna. Salvabile per i primi minuti che rappresentano un buon film sci-fi, il castello crolla nel tentativo di trasformare l’androide in una donna vera, e di sfatare così le tre leggi di Asimov…insomma…un pasticcio (per non parlare dei classici stereotipi del rapporto uomo e donna).

Tranne che per la scena dello stupro, il sesso è rappresentato in maniera lirica, con molte luci e ombre che giocano nella cabina girevole della nave, con l’eterea colonna sonora di Nemanja Mosurović insieme a un coro di donne e un organo. Stoya si presenta come un’attrice di talento, incarnando un personaggio che in maniera convincente copre lo spettro tra androide e umano.

Ederlezi Rising è stato coprodotto da Mir Media Group(Serbia) e la società Balkanic (Stati Uniti). I diritti internazionali sono gestiti dalla società americana Arclight Films.

Voto:1/5

👎😞