Halloween: il ritorno di Michael Myers

Paese   USA
Lingua   Inglese
Anno   2018
Durata   109  min

Halloween è il nuovo horror diretto da David Gordon Green è in arrivo nelle sale italiane il 25 ottobre 2018. Nel cast della pellicola ritroviamo l’attrice americana Jamie Lee Curtis che nel 1978 aveva preso parte al primo film della saga Halloween la notte delle streghe.

Il regista inizialmente ci mostra due giornalisti che si recano nell’istituto psichiatrico dove Michael Myers è rinchiuso da ben 40 anni per provare  a parlargli. Purtroppo la visita non ha l’effetto sperato. Laurei Strode, la donna che ha vissuto in prima persona la furia omicida di Michael quarant’anni prima, ne è ancora ossessionata. Non riesce a lasciarsi tutto alle spalle e andare avanti. Quando però l’autobus che doveva trasferire Michael e altri pazienti  finisce contro un  guardrail, l’incubo sembra ritornare.

David Gordon Green confeziona un grande horror. Ho apprezzato la scelta da parte del protagonista di voler inserire in questo cast Jamie Lee Curtis e Nick Castle, due attori che erano presenti anche nel primo film della saga di Halloween uscito quarant’anni fa e anche di alcuni riferimenti ai personaggi presenti nel film del 1978.  In questa pellicola le persone uccise da Michael sono di più e le loro morti sono più cruente. David Gordon Green ha voluto quindi aggiungere più violenza da parte del serial killer.

Finora i sequel della saga sono stati ben 11  l’ultimo dei quali è stato Halloween II del 2009 diretto da Rob Zombie.  Senza due degli attori che erano presenti nel film originale, non sarebbe stato lo stesso. Questa volta ad aspettare Michael è la famiglia Strode ad aspettarlo.  Possiamo dire che questo Halloween è un degno seguito della pellicola del 1978.

I fan aspettavano un film di questo tipo da ben 40 anni. Quindi il 25 ottobre correte nelle sale cinematografiche se non volete perdervelo. Sicuramente verrà apprezzato anche dagli amati del genere horror che non hanno visto la pellicola del 1978.

Voto 3,5/5

 

 

 

 

Roma FF13:il mistero della casa del tempo

Paese   USA
Lingua   Inglese
Anno   2018
Durata  105 min

Il mistero della casa del tempo e’ il nuovo film diretto da Eli Roth è in uscita nei cinema italiani il 31 ottobre. Nel cast della pellicola ci sono Jack Black, che questo mese è in sala anche con Piccoli Brividi 2 in uscita il 18, e Cate Blancett.

La pellicola è ambientata nel 1955  nella cittadina di New Zebedee in Michigan. Il protagonista è Lewis un bambino di 10 anni che ha perso entrambi i genitori in un incidente stradale. L’unico parente che gli è rimasto è lo zio Jonathan il fratello della madre.  Fin da subito Lewis capisce che è un po’ eccentrico. Mrs Zimmerman non è da meno e anche la casa non è come se l’aspettava. Vedendo lo zio aggirarsi in piena notte per la casa capisce che c’è qualcosa di strano in lui. Quale mistero nasconde? Come mai la casa è piena di orologi?

Eli Roth confeziona un horror per ragazzi che nel suo insieme funziona. Ottima la scelta del cast. La coppia Jack Black-Cate Blancett funziona alla perfezione. Ho apprezzato anche la scelta da a parte del regista di inserire in Il mistero della casa del tempo il giusto mix tra paura e divertimento.  Con Jack Black nel cast è garanzia di successo.

La pellicola è tratta da un omonimo romanzo per ragazzi scritto negli anni ’70 da John Bellairs. La sceneggiatura di questo adattamento cinematografico è  di Erick Kripke, conosciuto nel mondo televisivo per aver ideato la serie Supernatural.

Se siete alla ricerca di un film spaventoso ma allo stesso tempo divertente, da poter vedere anche con i propri figli, allora Il mistero della casa del tempo è quello che fa per voi. Passerete una sera piacevole. Se siete anche fan di Jack Black o Cate Blancett allora non potete proprio perdervelo. Una serata di Halloween un po’ diversa dal solito.

Voto 3,5/5

 

 

 

Soldado l’esordio hollywoodiano di Stefano Sollima

Soldado

 Paese      USA, ITA
 Lingua     Inglese
 Anno      2018
 Durata     124 min

Soldado è il nuovo action thriller diretto da Stefano Sollima, diventato famoso per aver diretto serie tv di successo come Romanzo Criminale – La serie, Gomorra -La serie e pellicole come Acab e Suburra, e in arrivo in Italia il 18 ottobre.  Nel sequel di Sicario, pellicola del 2015, ritroviamo i personaggi di Alejandro e Matt interpretati da Josh Brolin e Benicio Del Toro.

Per i cartelli messicani il traffico di esseri umani sembra essere la nuova fonte di guadagno. In mezzo ai clandestini che cercano illegalmente di passare il confine ed arrivare negli USA, si infiltrano anche terroristi. Alcuni di questi si fanno esplodere in un supermercato texano uccidendo 15 persone. Il governo degli Stati Uniti contatta l’agente della CIA Matt Graver per applicare misure estreme contro i cartelli della droga messicani.  La missione è quella di rapire la figlia di Reyes, potente boss del cartello messicano, facendo credere che si tratti di una banda rivale e quindi  scatenando una guerra.  Per mettere in atto questo piano dovrà chiedere nuovamente l’aiuto di Alejandro, che nel frattempo è diventato soldado. La vedetta verso Reyes lo porterà ad accettare la missione.  Riuscirà Graver a portare a termine la missione evitando che altri terroristi passino il confine e riescano ad entrare negli USA? Alejandro avrà finalmente la sua vendetta?

Per essere al suo primo film hollywoodiano, possiamo dire che Stefano Sollima se l’è cavata molto bene.  Quando è stato annunciato che il regista italiano avrebbe diretto Soldado, Il suo stile registico è più realistico rispetto al primo film diretto da Dennis Villeneuve. Ho apprezzato la scelta di approfondire la psicologia dei personaggi  principali ed unire due temi “scottanti” e attuali come quello del traffico di droga ed esseri umani al confine con il Messico con quello dei terroristi islamici.  Il finale di Soldado dà spazio ad un possibile terzo capitolo. Vedremo se la produzione contatterà ancora una volta Taylor Sheridan per scriverne la sceneggiatura.

Vi consiglio di andare a vedere la pellicola se siete fan di Josh Brolin  e Benicio Del Toro, fan del regista italiano Stefano Sollima o amanti del genere action-thriller. Non ve ne pentirete. Uscirete dalla sala soddisfatti.

Voto:3,5/5

 

 

Johnny English il ritorno al cinema della comicità old school

 Paese      Usa, Regno Unito, Francia
 Lingua     Inglese
 Anno      2018
 Durata      88 minuti

Johnny English colpisce ancora è la nuova action commedy diretta da David Kerr. Nel cast di questo terzo capitolo troviamo anche Emma Thompson, attrice resa famosa da pellicole come Quel che resta del giorno dove recita accanto a Antony Hopkins, Men in Black 3 e Briget Jones’s BabyBen Miller che torna nei panni del fedele scudiero di Johnny English e Olga Kurylenko nota al grande pubblico per aver recitato in pellicole come Hitman – L’assassino, Quantum of Solace e La corrispondenza.

Un pericoloso Hacker ha violato i sistemi del governo britannico rivelando l’identità di tutti gli agenti segreti britannici sotto copertura. L’unico che non è stato scoperto è Johnny English, una spia ormai in pensione, che lavora come insegnante in una scuola. Purtroppo il primo ministro inglese non può far altro che richiamarlo sul campo. Johnny English per questa nuova missione avrà bisogno del suo fidato scudiero Bough. La minaccia è rappresentata da un giovane miliardario della Sylicon Valley con il quale il primo ministro inglese intende avviare una collaborazione. Riuscirà l’agente Johnny English a salvare l’Inghilterra?

Nonostante la comicità old-school, con battute e azioni prevedibili il film funziona lo stesso. Rowan Atkinson con i suoi personaggi strappa sempre qualche rista nel pubblico. Dopo quasi trent’anni la splapstick commedy, basata sul linguaggio del corpo, dei suoi personaggi rimane il punto di forza dell’attore inglese. Siccome la trilogia comica con protagonista  Johnny English è una parodia dei film sull’agente 007, non poteva mancare la Bond Girl impersonata dall’attrice ucraina Olga Kurylenko.  Rowan Atkinson nel 1983 fece una piccola parte nel film Mai dire Mai dove James Bond era interpretato dall’attore scozzese Sean Connery. Quindi possiamo dire che il ruolo di agente segreto al cinema, era nel suo destino.

Comunque nell’immaginario del pubblico Rowan Atkinson è Mr Bean, personaggio interpretato nella serie omonima dal 1990 al 1995. Su di lui sono stati fatti anche due film Mr Bean – L’ultima catastrofe del 1997 e Mr Bean’s Holiday del 2007. Johnny English colpisce ancora è un film  che vi consiglio di andare a vedere se siete fan dell’attore britannico. Le risate sono assicurate. Uscirete dalla sala soddisfatti.

Voto:3/5

 

 

 

 

A Star is Born l’esordio alla regia di Bradley Cooper

A Star is Born

 Paese      USA
 Lingua      Inglese
 Anno      2018
 Durata     135 min

A Star is Born è l’esordio alla regia di Bradley Cooper, attore reso famoso dalla trilogia di Una Notte da Leoni.  Il film distribuito dalla Warner Bros Pictures uscirà nelle sale italiane  l’11 ottobre 2018.  Nel cast della pellicola c’è anche Lady Gaga, al suo terzo film da attrice dopo Machete Kills del 2013 e Sin City una donna per cui uccidere del 2014.

In A Star is Born troviamo Ally una cameriera con il sogno di fare la cantante. Il venerdì si esibisce in un pub locale durante l’appuntamento riservato alle Drag Queen. Durante una di queste serate conosce il famoso cantante rock Jack Maine di passaggio da quelle parti dopo aver finito un concerto. Tra i due scatta subito la scintilla. Lui però ha il vizio dell’alcol, mentre lei è scontrosa, ingenua e insicura.  Ally torna al suo lavoro da cameriera, ma il rocker Jack la invita ad una tappa del suo tour. Dopo un’iniziale rifiuto, ci ripensa e lo raggiunge. Una volta arrivata nel Backstage Ally  viene addirittura invitata a salire sul palco per cantare una sua canzone  riarrangiata dallo stesso Jack.

In una recente intervista su A Star is Born Bradley Cooper, regista, co-sceneggiatore, protagonista e produttore ha ribadito: “Non ho mai pensato ‘Come posso renderlo originale’. Sapevo soltanto che dovevo rendere autentica la storia che volevo raccontare. Ho sempre saputo di voler fare il regista, ma sapevo anche di aver bisogno di un mio punto di vista, di sapere perchè lo sto facendo, altrimenti non avrei motivo per farlo. Ho sempre voluto raccontare una storia d’amore perchè penso che siano storie in cui tutti possono riconoscersi”.

Di questa pellicola ho apprezzato la scelta del cast, la trama e la sceneggiatura. A livello registico il film non è male e Bradley Cooper se l’è cavata bene, nonostante fosse la sua prima volta dietro la macchina da presa. Non sappiamo se è nata una stella come dice il titolo della pellicola, ma Lady Gaga era più a suo agio in questo film che nei due precedenti usciti nel 2013 e nel 2014. Forse il ruolo da protagonista le ha dato una maggiore consapevolezza del ruolo di attrice.  Possiamo dire che cinematograficamente la coppia Gaga-Cooper ha funzionato per l’intera durata del film. In A Star is Born, il percorso intrapreso da Ally prima di arrivare al successo come cantante sembra essere lo stesso di Lady Gaga quando era giovane.  La cantante-attrice, nel 2006 ha firmato un contratto con la Def Jam Records, venendo scaricata dopo appena tre mesi.  Distrutta da questa notizia, ritorna a casa e inizia una lunga sperimentazione  affascinata dagli emergenti spettacoli di burlesque, vestita soltanto con un bikini.

A Star is Born è una pellicola che vi consiglio di andare a vedere, non ve ne pentirete. Troverete un Bradley Cooper in grande forma e una sorprendente Lady Gaga che nel film recita al naturale, senza il trucco esagerato che utilizza durante i suoi concerti.

Voto:3,5/5

 

 

 

Venom il primo film dello Spider-verse sony

 Paese      USA
 Lingua      inglese
 Anno      2018
 Durata     112 min

Venom è il nuovo film diretto da Ruben Fleischer, regista noto per pellicole come Benvenuti a Zombieland, Zombieland 2 e Gangester Squad. Nel cast oltre a Tom Hardy nel ruolo del giornalista Eddie Brock c’è anche Michelle Williams che interpreta la sua fidanzata.

Venom è un film sulle origini di questo simbionte alieno. Nei primi minuti di film ci viene mostrato il loro arrivo sulla terra e anche la capacità di doversi impossessarsi di un corpo umano per poter sopravvivere. Il vero protagonista è il giornalista Eddie Brock un giornalista famoso a San Francisco per le sue inchieste. Un giorno il direttore del giornale per il quale lavora gli affida l’intervista al dottor Carlton Drake. Lui però vuole porre fine agli esperimenti illegali all’interno della Life Foundation.  Eddie riuscira’ a smascherare il dottor Drake? I simbionte che sono stati riportati da una missione spaziale sono pericolosi per la popolazione umana?

La prima storia in solitaria di Venom è Lethal Protector pubblicata nel 1993. Qui i suoi creatori David Micheline e Todd McFarlane gli tolgono i panni di villain per fargli mettere quelli dell’antieroe. In questa miniserie si raccontava come la Life Foundation catturava Eddie Brock già posseduto dal simbionte alieno. Da lui estraeva altri simbionti che collegava ad alcuni soldati che Venom finiva per combattere.

Il film Venom può essere promosso a pieni voti nonostante nella pellicola non si veda alcuna goccia di sangue e non sia presente Spiderman il suo acerrimo nemico. Inizialmente doveva essere un film Rating Pg-13, poi i vertici della Sony hanno deciso di allargare la pellicola ad un pubblico più ampio. Ho apprezzato la scelta di Tom Hardy nei panni di Eddie Brock. Non potevano scegliere attore migliore. Mi è piaciuta anche la trasposizione cinematografica di Venom, migliore rispetto a quella di Spiderman 3 e anche il fatto che di Simbionte ce ne sia più di uno. Era ora che Tom Hardy facesse un film da protagonista e non da comprimario come Dunkirk e Inception.

Per me la pellicola non è stata così negativa come ribadito da alcuni critici dopo l’anteprima di ieri. Ho trovato più aspetti positivi che negativi. Uno di questi è Il villain. A mio avviso è un po’ debole. Per un film come Venom mi aspettavo un villain migliore. Comunque consiglio di andarlo a vedere al cinema, anche se non siete dei fan accaniti del fumetto Marvel sul personaggio. Non bisogna saperne vita, morte e miracoli del simbionte alieno.

Voto:3,5/5